^ The Future is Now ^ –

Archivio per 30 Aprile 2018

Intervista al Dr Parnia, nei prossimi due decenni credo si scoprirà che continuiamo ad esistere dopo la morte…

Ciò che l’evidenza suggerisce è che l’anima, il sé, la psiche, qualunque cosa tu voglia chiamarla, non si annichiliscono, anche se il cervello si è spento. Ciò suggerisce che parte di ciò che ci rende ciò che siamo – una parte che è molto reale – non è prodotta dal cervello. Invece, il cervello si comporta come un mezzo di mediazione tra il qui e “l’oltre”. Tutto ciò che non vediamo o non possiamo toccarlo e sentirlo, scegliamo di ignorarlo. La realtà, tuttavia, è che il pensiero umano esiste, noi comunichiamo attraverso i pensieri, quindi è un vero fenomeno. La fonte della coscienza non è stata scoperta nello stesso modo in cui le onde elettromagnetiche sono state utilizzate per milioni di anni, ma è solo di recente che abbiamo creato un dispositivo per registrarle e mostrarle ad altre persone.

Quindi, in breve, non abbiamo ancora gli strumenti, o una macchina abbastanza accurata da raccogliere i tuoi pensieri e mostrarmeli. Nei prossimi due decenni, credo che si scoprirà che continuiamo ad esistere dopo la morte, e che la coscienza è di fatto un’entità indipendente…

Fonte: Goop – intervista al Dr Parnia